ll Counselling è una professione intellettuale ai sensi della Legge 14 gennaio 2013, n. 4.

Un percorso di Counselling può aiutare la persona a cercare la soluzione di specifici problemi, sostenere la capacità di scelta quindi  aiutare a prendere decisioni, gestire crisi personali, esistenziali, orientarsi nelle difficili fasi che si susseguono nel corso del ciclo di vita, gestire le relazioni interpersonali (affettive, professionali, familiari, amicali, di coppia …); sviluppare risorse, potenzialità, capacità e stimolare punti di forza; sviluppare la consapevolezza personale (emozionale, corporea, cognitiva, caratteriale), gestire conflitti interni ed esterni, affrontare cambiamenti previsti ed imprevisti.  Il counselling è un percorso evolutivo di crescita personale, di conoscenza di sè stessi nel proprio divenire.

Il Counselor è la figura professionale che, avendo seguito un corso di studi triennale, è in grado di favorire, facilitare, attraverso la relazione d’aiuto, la soluzione di quei disagi e conflitti esistenziali che non comportano  una ristrutturazione profonda della personalità e che non appartengono alla sfera della psicopatologia, operando infatti nell’ambito della salutogenesi e della prevenzione. 

Attraverso la relazione di counselling si aiuta la persona ad aiutarsi, facilitando la piena espressione creativa di sè, attraverso un processo di esplorazione e chiarificazione dei propri bisogni, desideri, esigenze, intenzioni, aspettative, motivazioni, azioni, difficoltà. Il counselling fornisce un’opportunità di lavorare su se stessi per ottenere una maggiore soddisfazione come individui e come membri della società.

Il Gestalt Counselling

Cosa significa Gestalt? Gestalt è una parola tedesca traducibile in vari modi: totalità, struttura, configurazione, insieme, forma.
L’essere umano è una Gestalt, cioè una configurazione costituita da tante parti: pensieri, emozioni, percezioni, sensazioni, spiritualità. Lo scopo dell’approccio gestaltico al counselling “è quello di far scoprire, esplorare e sperimentare alla persona la sua propria forma, la sua interezza” (P. Clarkson),  facilitare l’accettazione e l’integrazione tra le parti di sè, superare la tensione dialettica per giungere ad un integrità organismica e all’auto-realizzazione.   Padre fondatore della Gestalt è Fritz Perls che pone l’accento sul Qui e Ora, come unica dimensione spazio-temporale, concreta ed esperienziale, in cui la persona si mette in contatto con se stessa e col mondo. Una delle più grandi difficoltà della persona è quella di “stare” nel presente, di essere consapevoli del proprio sentire. Chi soffre d’ansia ad esempio tende a rivolgere la sua attenzione sul futuro, prospettandosi visioni catastrofiche di “ciò che potrà succedere se …”.
Obiettivi generali del Gestalt Counselling sono lo sviluppo della Consapevolezza Personale
e lo sviluppo della Respons –abilità Personale (intesa come capacità di rispondere alle varie situazioni che si presentano nel corso della nostra vita quotidiana).

Counselling a mediazione artistica

11071749_1005503216146489_2446484356390424378_n


E’ una particolare forma di counselling in cui si utilizza l’espressione artistica nelle sue varie forme (danza, pittura, disegno, teatro, video, scultura, fotografia, poesia, scrittura, ecc …) e oggetti mediatori (ad esempio la Maschera) come strumenti di mediazione e facilitazione nella relazione d’aiuto.

11150390_1029305483766262_1186824241013004992_n


L’esperienza creativa è una speciale forma di apprendimento che, facilitando il contatto con parti di sé, permette di mobilitare risorse personale, ampliare la consapevolezza di sé e dunque affrontare problematiche esistenziali e incrementare il ben-essere personale. Attraverso la mediazione artistica è possibile gestire con efficacia i censori che inibiscono le nostre originali espressioni e permettere quindi la conoscenza delle proprie dinamiche interne.
Per intraprendere un percorso di counselling a mediazione artistica non è necessario essere artisti. L’attenzione va al processo creativo e non al risultato.
La mediazione artistica tuttavia può essere, anche per gli artisti, un’occasione per lavorare su se stessi attraverso le proprie opere, poiché entrare in contatto con la propria creazione è entrare in contatto con se stessi, conoscersi.

1441363_714334925263321_1658673876_n


Tutti noi possiamo ritrovarci a vivere degli stati di mal-essere. Esiste però una parte di noi che ha la capacità di trovare nuove soluzioni, anche a vecchie abitudini che ci sembrano impossibili da trasformare. La scelta dell’iniziare a scoprire nuovi punti di vista è il primo passo verso la trasformazione.


Il counselling non è necessariamente rivolto a chi si trova in stato di malessere ma è rivolto anche a chi vuole semplicemente fare un percorso di conoscenza di sé. Come sostiene Petruska Clarkson “la Gestalt non è soltanto problemi o disfunzioni, è anche celebrazione di vita” ed  è un percorso di crescita personale utile in tutte le età.

Ci sarebbe tanto da scrivere sul counselling. In questo articolo mi sono soffermata a darne una visione generale e sintetica.

 

Roberta Sirigu, pedagogista e gestalt counsellor.
Qui e Ora Associazione Culturale Pedagogica, via Pasubio 27, Cagliari. Telefono: 3270544471, email: qui.eora@libero.it

Annunci